giovedì 3 gennaio 2013

Di Calze e Nuove Tradizioni

Nella mia famiglia d'origine non c'è mai stata la tradizione di scambiarsi la Calza della Befana pertanto io e mia sorella non ne abbiamo mai ricevute, almeno questo è ciò che ricordo (sono sicura che se lo faccio presente a mia madre lei dirà che le mie sono solo elucubrazioni di una figlia smemorata e ingrata!).
Cmq, la cosa non ci ha lasciato traumi di alcun tipo ;-) e la prima calza che ricordo di aver ricevuto è arrivata dal marito quando ancora eravamo fidanzatini tutti coccole e bacetti! Ovviamente in quel contesto ho deciso che nella nostra famiglia avremmo introdotto questa tradizione.
Non sempre l'abbiamo rispettata ma si sa, i bimbi fanno miracoli e così da quando Siria è tra noi quello della preparazione della sua calza è diventato un rituale irrinunciabile.
Quando lei aveva solo pochi mesi ho chiesto a mia madre di prepararle una calza personalizzata da riutilizzare nel tempo, mi piace l'idea di riempire sempre la stessa e di adeguarne il contenuto agli anni che passano e alle esigenze che mutano.
E così eccoci arrivati al consueto appuntamento del riempimento...
Come al solito pochi dolciumi, solo qualche caramella morbida alla frutta, che in questo periodo lei gradisce.
Poi troverà le marionette a dita degli animali (prese da Ikea), a completamento della sua collezione e una confezione di formine per Pongo che dopo un lungo cercare ho trovato finalmente in libreria (sempre siano lodate le librerie!).



Il pongo lo avevo già preparato nei giorni precedenti il Natale per farla giocare con il cuginetto. La ricetta è stra-conosciuta sul web e ce ne sono diverse versioni che si differenziano l'una dall'altra per delle sciocchezze.
In ogni caso, per amor di completezza vi riporto la ricetta che mi è stata donata da mia cognata, che poi è quella che utilizza con le sue colleghe educatrici, per i bimbi della scuola dell'infanzia in cui lavora.

Pongo Fai da Noi
Ingredienti:
1 bicchiere di sale
1 bicchiere d'acqua
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di olio
1 bustina di cremor tartaro
1 bicchiere di farina
1 fialetta di colorante alimentare da diluire nel bicchiere d'acqua

Mettere in un pentolino tutti gli ingredienti e cuocere mescolando a fiamma bassa fino a quando "il pastocchio" acquisisce una consistenza morbida (ci vogliono davvero pochi minuti). Far raffreddare e giocare!
P.S. Io lo conservo nei contenitori per alimenti e si mantiene morbido anche per un paio di mesi, senza necessità di conservarlo in frigo.
P.P.S. Per chi come me non ne avesse mai sentito parlare prima, il cremor tartaro  è un agente lievitante che trovate al supermercato negli scaffali degli articoli per dolci.





E voi? Preparate le calze per i vostri cari? Come le riempite?

13 commenti:

  1. Grazie per la ricetta del pongo, la passo alla mia figlioccia! :)
    Per quel che riguarda le calze della befana...ne ho pieno il mio cassetto!!! Hi, hi, hi! Perchè diciamocelo sono un po' befana anch'io!
    In ogni caso quest'anno non l'appenderò per i ragazzi, mia madre ha già comprato loro 2kg di cioccolatini, direi che possono bastare!

    RispondiElimina
  2. Noi mettiamo i calzini attaccati al forno...calzini del maritino che avendo un 48 ci garantisce un buon bottino ;) ...e la mattina dopo tutti e quattro i calzini sono pieni :) ! La befana da noi lascia anche i regali sotto l'albero e noi a lei una cenetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora è una befana davvero generosa!

      Elimina
  3. Quest'anno nella calza ci saranno macchinine hot weels (che non si è capito se piacciono di più al papi o al figlio!!)e poi qualche cioccolatino (ma pochi...)
    Bellissima la vostra calza! Tommy ha ricevuto da mio fratello per natale un set per il pongo con la cucina, le pentoline, i piattini, e devo dire che ci gioca molto!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo il set pongo con la cucina! Sono sicura che ci stai giocando anche tu! Baci!

      Elimina
  4. Belle le tue palle di didò! io sono sempre così tirchia con i coloranti... è che poi mi si ammorbidisce troppo!
    Per le calze in genere usavo quelle di mio marito (porta il 46, hai voglia a mettere dolcetti!). poi stamattina ne ho trovate in offerta al supermercato e ne ho prese 2 in pannolenci.
    cosa conterranno?
    CARBONEEEEE senza ombra di dubbio! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fossi stata una mamma coerente anche la suddetta calza conterrebbe carbone, ma siccome non lo sono...
      Baci!

      Elimina
  5. Io ho sempre avuto più di una calza, perché oltre a quella dei miei arrivavano anche dai vicini, e le aspettavo con gioia!
    Super calza cucita insieme per Binotto: ....il contenuto è ancora segreto...Metto in moto la scopa!!!
    A presto!
    :-)

    RispondiElimina
  6. ciaooo..bella l'idea delle marionette che stimolano la manualità e la creatività e l'immensa fantasia della piccola:) qui calze si..ma vere e piene di..arance e monetine..giusto per rimenere in tema ...meridionale.)

    RispondiElimina
  7. basta... è da mesi che mi imbatto in ricette di pongo-fai da-te... stavolta devo farla!! sono un po' perplessa sull'effettiva reperibilità di questo famoso cremor tartaro (che prima di incontrare queste ricette non avevo mai sentito) ma prima o poi lo troverò...
    anche noi calze personalizzate da riusare ogni anno (e che sono - contro ogni apparenza - molto capienti) e ci abbiamo messo libri, matite nuove e una marea di cioccolatini, che per fortuna tommi non mangia (perchè prima glieli faccio vedere e poi li nascondo accuratamente) ma fanno volume!!! :-P

    RispondiElimina
  8. Vogliamo parlare delle calze che mia mamma mi faceva trovare piene di mandarini e cipolle... Non era meglio non farle proprio? Bah !
    la calza della tua piccola sarà sicuramente per lei oggetto di ricordi tenerissimi.
    baci

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...